Rete per l’inclusione lavorativa: i primi esiti dei Focus Group provinciali

Si sono conclusi i primi Focus Group nelle città di Teramo, Pescara, Chieti e L’Aquila, realizzati nell’ambito del progetto FAMI PRIMA “Reilab: Lavoro Migrante”.

Gli incontri hanno registrato la partecipazione di numerosi attori istituzionali, referenti dei servizi del lavoro, della formazione, delle associazioni datoriali, dei sindacati e di rappresentanti di associazioni di migranti (Prefettura di Teramo, Centri per l’Impiego, Ispettorato del Lavoro, Associazioni ed Organizzazioni del Terzo Settore).

I Focus Group nascono con l’intento di individuare quali possano essere le risposte concrete del sistema Abruzzo alle esigenze di integrazione lavorativa dei migranti. Durante i primi incontri sono stati indagati i bisogni occupazionali dei Cittadini di Paesi Terzi e le ragioni delle loro maggiori difficoltà ad accedere ai servizi di collocamento e formazione.

Questi primi confronti tra i gli interlocutori sono stati molto partecipati, a sottolineare quanto sia sentita l’esigenza di innovare e rafforzare tutto il sistema dei servizi regionali che dialoga con i cittadini stranieri. Grazie alla metodologia utilizzata, ovvero il confronto per piccoli gruppi, è stato possibile affrontare completamente i vari temi emersi e analizzare le proposte e i suggerimenti dei presenti su come potenziare i servizi esistenti o attivarne di nuovi.

Tra i primi temi affrontati quello del potenziamento dei “bisogni pre-lavorativi” personali degli stranieri in ingresso nel mondo del lavoro abruzzese, quali: la conoscenza della lingua italiana, dell’iter per l’inserimento lavorativo, dell’organizzazione degli ambienti di lavoro (orari, pause, etc…); così come la conoscenza dei diritti e dei doveri del lavoratore, dell’iter per ottenere il riconoscimento del titolo di studio acquisito nel Paese di origine, l’importanza di un contratto regolare e di una retribuzione adeguata.

Il dibattito si è poi focalizzato su come andrebbero riorganizzati i servizi esistenti per rispondere a questa tipologia di bisogni, su come cioè riformulare l’offerta regionale di orientamento, formazione e collocamento per abbassare la soglia di ingresso dei cittadini dei Paesi terzi nel mercato del lavoro.

Le principali proposte dei Focus Group sono state:

  • la creazione di una rete tra i servizi, dopo aver svolto una mappatura degli stessi, per indirizzare i potenziali utenti in modo più chiaro;
  • la creazione di un comitato di rappresentanza che periodicamente analizzi le criticità del sistema dei servizi e individui soluzioni concertate per potenziarne la fruizione;
  • la dotazione di un mediatore/facilitatore, capace di attrarre e facilitare il dialogo tra operatori dei servizi, tra lavoratori e servizi, tra lavoratori e imprese;
  • l’implementazione di una piattaforma online comune a tutti gli operatori e fruibile dai beneficiari finali, per facilitare lo scambio di informazioni tra operatori e stimolare l’accesso dei migranti al mondo del lavoro regionale;
  • la creazione di infopoint diffusi (scuole, stazioni ferroviarie, ospedali) dotati di brochure, locandine e materiale informativo specifico per stranieri.

Febbraio ha dato il via alla costruzione della rete per l’inclusione lavorativa dei cittadini dei Paesi Terzi, molto è stato fatto, molto resta ancora da fare!

In un momento come questo è, però, fondamentale seguire e rispettare le misure di sicurezza messe in atto per contrastare il COVID-19. Per tale motivo, a seguito del DPCM dell’8 marzo 2020, abbiamo spostato l’appuntamento del prossimo Focus Group a data da destinarsi. Vi terremo aggiornati sugli eventuali cambiamenti.

Fami Prima, realizzato dalla Regione Abruzzo in partenariato con ATS che include un’ampia compagine di Associazioni ed Organizzazioni Non Profit della Regione Abruzzo

FONDO ASILO MIGRAZIONE INTEGRAZIONE (FAMI) 2014-2020
Obiettivo Specifico 2 Integrazione/Migrazione Legale. Obiettivo Nazionale ON2- Integrazione/Migrazione legale- Autorità delegata-PRIMA: Progetto per l’integrazione lavorativa dei Migranti. Progetto dal titolo: “Lavoro Migrante- REILAB Rete per l’inclusione il lavoro e il bene comune” – Codice progetto: PROG – 2425


Mappatura dei servizi per l’integrazione dei Cittadini di Paesi Terzi

Svolgi interventi (servizi, progetti e iniziative) per l’integrazione dei cittadini di Paesi Terzi nella Regione Abruzzo?

Allora abbiamo un questionario per te!

Questo questionario aiuterà la Regione Abruzzo e i Partner del Progetto FAMI “Lavoro Migrante – REILAB Rete per l’inclusione, il lavoro e il bene comune” a raccogliere informazioni sui diversi interventi d’integrazione dei cittadini di Paesi Terzi in Abruzzo.
Ti chiediamo solo 5 minuti di tempo per compilare e condividere con noi il tuo lavoro. Il materiale sarà raccolto in dei prontuari e le buone prassi saranno diffuse su canali nazionali (compreso sul portale Integrazione Migranti) e regionali.

I questionari sono suddivisi per Province, puoi cliccare sulla tua Provincia di riferimento e rispondere alle domande!

PESCARA:  https://it.surveymonkey.com/r/C22SRQB

CHIETI: https://it.surveymonkey.com/r/GG6JRTN

TERAMO: https://it.surveymonkey.com/r/GBBX7X3

L’AQUILA: https://it.surveymonkey.com/r/GP2V55P

Condividi questa mappatura con altri enti e servizi del territorio, per fare in modo di raccogliere maggiori informazioni possibili!

FONDO ASILO MIGRAZIONE INTEGRAZIONE (FAMI) 2014-2020
Obiettivo Specifico 2 Integrazione/Migrazione Legale.
Obiettivo Nazionale ON2- Integrazione/Migrazione legale- Autorità delegata-PRIMA: Progetto per l’integrazione lavorativa dei Migranti Codice progetto: PROG – 2425